D’abitudine “il corpo” è questione che molto spesso si incontra quale corollario della “struttura psichica” nel campo analitico e nella letteratura freudiana; lo si incontra a proposito della sua funzionalità – più o meno inibita dal sintomo – e delle “iscrizioni” conversive e delle erotizzazioni psicosomatiche. Ho scoperto nel tempo che nella clinica questa lettura mi è insufficiente e ho necessità di occuparmi “della questione del corpo” in seguito alle sollecitazioni che alcune analisi evidenziano, e ciò a partire dall’osservazione del suo essere “uno scenario” nel quale entrano in gioco le forze consapevoli dell’individuo e non solo il conflitto inconscio. Insomma, mi trovo di fronteLeggi altro →