Giovanni Callegari

di Giovanni Callegari. Parte terza. La colpa, quale colpa? ci chiedevamo, ebbene se la legge è il mio moto pulsionale, il mio desiderio allora è la trasgressione di questo che può generare la colpa. Ma andrei un briciolo più cauto, Lacan ci dice che “La sola cosa di cui ci si possa sentir colpevoli è di aver ceduto sul proprio desiderio” Lacan Seminario libro VII, l’etica della psicoanalisi. Freud parlando più della colpevolezza che di colpa fa risalire il sentimento all’omicidio originario, come scrive J. Goldberg nel testo “La colpa”. Intendendo ovviamente il complesso edipico e il desiderio da parte del bimbo e della bimbaLeggi altro →

Giovanni Callegari

di Giovanni Callegari Parte seconda. Chiusa questa breve parentesi vorrei ritornare alla legge e alla colpa. Molte parole e molte riflessioni si sono sempre fatte intorno ai personaggi di Creonte e Antigone facendo interpretare al primo la legge dello stato e alla seconda la legge dell’amore, del cuore dell’etica personale. Già mettere queste cose insieme è un po’ trasgressivo. Purtroppo nel dichiararsi di volta in volta a favore di Creonte o di Antigone si è persa di vista la considerazione che entrambi sottostanno ad un contesto, ad una contestualizzazione unica, quasi irriproducibile (tutta la loro mitica storia) e che quindi persone così assennate come gliLeggi altro →

Giovanni Callegari

di Giovanni Callegari.  Parte prima. Se dicessimo che la legge determina la colpa (come qualcuno ha detto) il mio intervento sarebbe finito qui e potremmo andare tutti a casa. Di quale legge si vuole parlare? Tutte le leggi che sono state promulgate in passato e che vengono fatte nel presente e che saranno approvate in futuro determinano un “fuorilegge” di quanto precedentemente era legale. Se quello che prima della legge era legale, dopo la legge questo diviene fuorilegge e quindi illegale. La legge dello stato quindi ma quale stato? Le leggi degli stati europei, e mi fermo a questi, sono notevolmente differenti tra loro eLeggi altro →